Tiberio

Aguzza pupille velate
e raschia con artigli smussati.

Scintilla il manto glabro,
gnaula un canto sottile
e oscilla vibrisse canute,

mentre contempla nel cielo
l’alato librarsi
di Memorie Remote,

ronfando un’età
ormai Satura.

Poesie